rebblogged from velorution.gazzetta.it Alice Di Pietro, assassinata a cura di P. Pinzuti
****************************************************************************
AGGIORNAMENTO il giorno dopo 

Sicurezza stradale: alle 13 flash mob davanti a palazzo Chigi
Protesta per l’uccisione di Alice Di Pietro, travolta da un’auto passata col rosso
Roma, 10 mar. (Adnkronos) – “Useremo l’attraversamento pedonale come scena del crimine: l’omicidio di Alice Di Pietro, ciclista romana di 22 anni era evitabile con il semplice rispetto di un semaforo rosso”. Questo l’appello lanciato sul web ieri sera, dopo la morte della giovane, travolta da un’automobile passata a forte velocità con il rosso sulla via Salaria a Roma. Amici della giovane e attivisti si sono dati appuntamento alle 13 piazza Colonna per un flash mob sulle strisce pedonali di fronte a palazzo Chigi.
(Pab/Col/Adnkronos)

*****************************************************************************
dalla pagina fb di slvaiciclisti di ieri sera, giorno della sciagura

(CSCrit) (commento su salvaiciclisti fb alla notizia)

scoramento, scoramento immenso e smisurato…
all’ora di pranzo sono uscito di casa, ho pedalato lungo via della scafa fino all’aeroporto. Poi sono montato sul treno e sceso con bici a parco leonardo. Ho pedalato fino alla fiera. Poi dopo aver intervistato un costruttore me la sono pedalata fino a magliana dove c’era un asta di bici. Poi da li pedalo fino a san paolo e poi treno fino al mare di nuovo. Ho contato innumerevol* imbecill* pericolosissim* M’ha detto bene, ho avuto culo. Quello che non ha avuto lei oggi, porkaccia quella miseriaccia infame e impestata, a 22 anni. Alemanno?? Pronto?? Alemannooo?? Basta adesioni non fattive, a fine mandato per giunta! Vogliamo, abbiamo il diritto di chiedere e gridare a voce alta SICUREZZA, 30 MAX, INCENTIVAZIONE E PRECEDENZA DEL TRAFFICO LEGGERO SU QUELLO PESANTE CHE INVECE ANDREBBE DIS-INCENTIVATO. SIAMO STUFE E STUFI DI MORIRE.
(CSCrit)  (commento su salvaiciclisti fb alla notizia)

la violenza non porta a nulla. anche quello o quella che l’ha ammazzata è una vittima di una città, di un vivere immondo, fatto di autosauri impazziti e incuranti come un po’ la gran parte di noi. Senza togliere alcuna responsabilità colposa.
Dobbiamo agire sulle coscienze ed essere i primi testimoni e soprattutto protagonisti del cambiamento.
ABBIAMO IL DOVERE di fermarci e decidere, poter decidere se fare parte della follia, o scendere prima che il treno deragli.
DI BUTTARE LA MACCHINA, o quantomeno usarla CRITICAMENTE, come una violenza ci viene imposta con imposte imposte.
RIVENDICHIAMO il diritto alla beltà del traffico leggero! Strade percorribili in sicurezza dai pedoni, dai camminatori, dalle biciclette, dai pattinatori. INNANZITUTTO: è semplice! Conviene a tutt*
LA MACCHINA è una succhia denaro-sangue-vita quotidiana; la macchina UCCIDE.#salvaiciclisti Non abbiamo salvato ALICE DI PIETRO




    Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo di WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

    Connessione a %s...


  • Cinguettii

  • #ciemmona 2014

    Eleven30 Maggio 2014
  • ipse

    Secondo alcuni autorevoli testi di tecnica di aeronautica, il calabrone non può volare, a causa della forma e del peso del proprio corpo in rapporto alla superficie alare. Ma il calabrone non lo sa e perciò continua a volare. Igor Sikorsky
  • Non l'amore, non i soldi, non la fede, non la fama, non la giustizia... datemi solo la Verità. H.D.Thoreau

  • Noi lavoriamo nell'oscurità: facciamo quel che possiamo, diamo quello che abbiamo. Il dubbio è passione, e le nostre passioni sono il nostro compito; il resto è la pazzia dell'arte. H. James
  • E t'amo, t'amo, ed è continuo schianto. G.Ungaretti
  • Così la vita sociale è fatta di categorie artificiali astratte che non corrispondono per nulla alla natura effettiva degli uomini ma finiscono per regolarne arbitrariamente i comportamenti e le azioni, condizionandone in ogni modo il destino. G. Antonucci
  • ‎Quando la giustizia si estingue e il male domina la terra, noi veniamo in essere, secolo dopo secolo, e prendiamo forma visibile, ci muoviamo, uomo tra gli uomini, per la difesa del bene, respingendo il male e reinstallando la virtù sul suo trono. Satyagraha, Philip Glass
  • Potrete ingannare tutti per un po', qualcuno per sempre. Non potrete ingannare tutti per sempre. Gandhi
  • La terapia somministrata dagli educatori, dagli psichiatri e dagli assistenti sociali non può che convergere verso i medesimi obiettivi dei pianificatori, dei manager e dei venditori, e divenire complementare ai servizi degli organi di sicurezza, delle forze armate e della polizia. I. Illich
  • syria

    FS

    FS


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: